Biografia

BIO – ITA

Franco Del Zotto è Nato a Codroipo (UD) nel 1960. Restauratore diplomato alla scuola di restauro di Villa Manin di Passariano, è socio IGIIC, ICOM-CC, IIC ed è professionista nel settore della conservazione e restauro d’opere d’arte. Particolare interesse è dedicato al settore dei manufatti policromi, quali tele, tavole, sculture lignee, altaristica ed affreschi.

Autore di articoli e saggi tecnici e teorici su riviste di restauro e di storia dell’arte nazionali e internazionali, nonché partecipa come relatore a convegni nazionali ed internazionali ed ha tenuto docenze e stage riguardo l’arte, il restauro e la conservazione dei beni culturali. Inoltre ha conseguito studi in architettura presso l’Università di Venezia e si è diplomato in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia.

Come pittore ha iniziato la sua attività negli anni ’70 partecipando a mostre personali e collettive, a livello nazionale e internazionale. Da tempo unisce pittura, scultura, fotografia, installazioni usando tecniche differenti. Fra i vari interventi ha realizzato installazioni ispirate a testi poetici di Pier Paolo Pasolini e padre D. Maria Turoldo, collocate in spazi pubblici.

Altresì significative sono le opere stabili eseguite nella Chiesa di Via Sidoli a Parma come l’albero della Trasfigurazione e la scala della trasfigurazione, la quale non ha semplicemente le qualità d’opera d’arte, ma si carica di funzionalità architettoniche e strutturali per l’edificio che la ospita.

Inoltre ha partecipato a mostre in Italia e all’estero, in particolare in via Giulia a Roma, a Firenze presso l’Accademia delle Arti del Disegno e il Chiostro di Santa Croce, a Urbino e a Spoleto, città, quest’ultima, in cui ha lasciato un’installazione pubblica, senza dimenticare i molteplici interventi in sedi come Venezia, Udine, Torino, Rovigo, Napoli, Enna etc. Ha partecipato a fiere d’arte quali Bologna,Vicenza e Padova. Di particolare interesse è la sua partecipazione agli eventi Collaterali alla Biennale di Venezia nel 2005 come progettista e realizzatore di una macchina distributrice d’opere d’arte.

Da tempo si occupa inoltre della realizzazione d’opere d’arredo urbano, recenti esempi di rilievo sono la scultura per il polo scolastico di Strigno in Trentino, la fontana della piazza di Rividischia e la facciata della Casermetta Moro, queste ultime entrambe nel Comune di Codroipo (UD). Infine ha realizzato un’opera per la facciata della casa natale di Tina Modotti, collocata nel centro storico di Udine.

BIO – ENG

Franco Del Zotto was born in Codroipo (UD) in 1960.Restorer graduated from school of restoration in Villa Manin – Passariano, is a IGIIC, ICOM-CC, IIC member, and he’s professional in the field of conservation and restoration of artworks. Particular interest is dedicated to the field of multi-colored objects, such as canvas, boards, wooden sculptures and frescoes.Author of technical and theoretical articles and essays in national and international journals of art history and restoration, he participates as a speaker at national and international conferences and has given lectures and workshops about art, restoration and preservation of cultural heritage. He also obtained studies in architecture at the University of Venice and graduated in painting at Academy of Fine Arts in Venezia.

As a painter started his work in the ’70, participating in solo and group exhibitions, nationally and internationally. From time combines painting, sculpture, photography, installations using different techniques. Among the various interventions created installations inspired by poems by Pier Paolo Pasolini and father D. Maria Turoldo, placed in public spaces.
Significant are the stable works performed in the Church of Via Sidoli in Parma as the tree of the Transfiguration, and the scale of transfiguration, which not only has the quality of artwork, but is full of architectural and structural features for the building housing it.

He also participated in exhibitions in Italy and abroad, particularly in Via Giulia in Rome, Florence Academy of Art and Design and the Cloister of Santa Croce, Urbino and Spoleto, the city, the latter, in which left a public installation, not to mention the numerous interventions in places like Venice, Udine, Turin, Rovigo, Naples, Enna etc. He has participated in art fairs such as Bologna, Padua and Vicenza. Of particular interest is his participation at the Collaterals Events of the Venice Biennal in 2005 as a designer and maker of a vending machine of artwork.
It has long been also engaged in the creation of public design, are recent examples the relief sculpture in front of the school of Strigno in Trentino, the fountain of the square of Rividischia end the facede of the building Casermetta Moro, the latter both made in the City of Codroipo (UD). Finally, he did a work for the facade of Tina Modotti’s birthplace , located in the historic center of Udine.